In mezzora

Bersani: voterò Cuperlo, ma rispetterò qualsiasi segretario

"C'è una squadra sola, io sono nel Pd e rispetto il segretario che il Pd elegge. Lavorerò con grande lealtà per la ditta - ha detto Bersani - : questa ditta deve andare avanti sennò l'Italia non ha proprio niente"

Alle primarie del Pd "votero' Cuperlo perché ha un'idea di partito che somiglia alla mia". Lo ha detto Pier Luigi Bersani a 'In Mezz'ora' su Rai Tre. "Renzi per me non è abbastanza convincente", ha aggiunto. Bersani ha poi confermato la sua collaborazione al prossimo segretario del partito, anche a Renzi, se sarà lui il vincitore della competizione elettorale.


"C'è una squadra sola, io sono nel Pd e rispetto il segretario che il Pd elegge. Lavorerò con grande lealtà per la ditta - ha proseguito - : questa ditta deve andare avanti sennò l'Italia non ha proprio niente".


Sull'esecutivo, Bersani ha detto: "I patti si fanno in due. Non possiamo correre il rischio dell'ingenuità. Se la destra non si prende la responsabilità, Letta deve dirigere il traffico lui". E aggiunge: "La destra decida", assicurando sulla vicenda della decadenza di Silvio Berlusconi, che, "se fosse capitato a uno dei nostri, noi non avremmo fatto sconti: questo devono metterselo in testa. Dunque devono decidere: ci stanno lealmente? Si spaccano? Non possono tutti i giorni tirare la corda. Il 2 ottobre scorso", quando il premier tornò a chiedere la fiducia per il suo govenro, "Letta l'ha fatto, ha diretto il traffico. Non perda il polso", raccomanda Bersani.